salta al contenuto

Riabilitazione a seguito di protesti

La persona che ha subito protesti può chiedere la riabilitazione al Tribunale

Il Tribunale competente è quello nella cui circoscrizione è residente la persona protestata.

Per aver diritto alla riabilitazione deve essere trascorso almeno un anno dall'ultimo protesto.

L'istanza va depositata utilizzando il modello allegato.

Ottenuta la riabilitazione è necessario rivolgersi alla Camera di Commercio territorialmente competente, con riferimento al luogo di levata del protesto.

Con l’istanza devono essere presentati:

  • contributo unificato di €uro 98,00 euro acquistabile presso le rivendite di valori bollati
  • marca da €uro 27,00 per diritti acquistabile presso le rivendite di valori bollati
  • i/il titoli/o in originale. In mancanza del titolo originale produrre:
    • fotocopia del titolo con attestazione dell'avvenuto pagamento da parte del creditore con firma autenticata
    • documentazione da cui risulti l'identità del creditore. Qualora non sia possibile provare l’identità del creditore occorre procedere all’ammortamento del titolo (a cura del soggetto indicato come creditore), prima di chiedere la riabilitazione.

NOVITA'

Grazie ad una convenzione tra il Tribunale e la Camera di Commercio di Padova volta a semplificare la procedura per il cittadino non è più necessario presentare la visura della Camera di Commercio che sarà acquisita d'ufficio. Sempre in forza della stessa convenzione la Cancelleria trasmetterà d’ufficio alla Camera di Commercio competente l’eventuale decreto di riabilitazione; non è necessario pertanto tornare in Cancelleria per il ritiro del decreto di riabilitazione. Una volta accertata l’emissione del decreto anche tramite consultazione pubblica dei registri è sufficiente recarsi alla Camera di Commercio competente e presentare istanza di cancellazione (ulteriori informazioni per la Camera di Commercio di Padova)

TEMPI MEDI DEL PROCEDIMENTO: 30/40 GIORNI