salta al contenuto

Programmi annuali

Il programma annuale delle attività per l’anno 2017, di cui art. 4 D.LGS. 25 luglio 2006 n. 240, per l’individuazione di obiettivi, priorità e direttive generali per l’azione amministrativa e per la gestione dell’Ufficio , è stato concordato e definito in data 13-2-2017  tra il Dirigente amm.vo ed il Presidente del Tribunale di Padova.  Segue documento di sintesi a cura del Dirigente amm. vo dott. ssa Maria Antonietta Laguardia.

SERVIZI- PRIORITA’ 2017

Gli obiettivi operativi per l’ anno 2017, costruiti in conformità con quanto previsto dall’ art. 5, comma 2, del D.lgs 27 ottobre 2009 n. 150, sono stati individuati a seguito della valutazione dei servizi di cancelleria che presentavano maggiore esigenza di riorganizzazione e di incentivare l’utilizzo di tecnologie digitali nell’ottica di migliorare l’efficienza e la qualità complessiva del servizio offerto; essi, in sintesi, sono i seguenti:

-              Digitalizzazione della giustizia civile e cambiamenti organizzativi- punto 7 dell’atto di indirizzo del Ministro- incremento e diffusione dei progetti di innovazione tecnologica nei procedimenti giudiziari- obiettivo strategico: Accelerazione del processo civile telematico.

Continuerà il processo di digitalizzazione degli atti non pervenuti in modalità telematica al fine della completezza del fascicolo informatico per i procedimenti ancora pendenti, nonché la scansione degli atti introduttivi del giudizio per i quali non è ancora vigente l’obbligo del deposito telematico attraverso la piattaforma informatica del PCT;

le cancellerie del Settore civile- area del contenzioso saranno riorganizzate sia per eliminare le criticità rilevate in alcuni servizi sia per un maggiore adeguamento alle modalità operative delle funzionalità del PCT, al fine di conseguire un miglioramento dell’efficienza dei servizi resi all’utenza che possa contribuire all’accelerazione del processo civile, riducendo i tempi di attesa del prodotto finale per i cittadini, da cui proviene la domanda di giustizia;

-              Miglioramento dell’ accesso alla giustizia per gli utenti non qualificati con particolare riferimento a quelli appartenenti alle fasce deboli- punto 5 della Direttiva del Ministro per l’ anno 2017- diffusione dei progetti di innovazione per gli uffici giudiziari anche con la finalità di offrire ai cittadini servizi di accesso alla giustizia vicino al luogo dove vivono.

A seguito della prevista riorganizzazione dei servizi della cancelleria della volontaria giurisdizione e del giudice tutelare, gli utenti appartenenti alle fasce più deboli ( anziani, disabili, minori ), potranno avere informazioni chiare e rispondenti alle loro esigenze e, attraverso accordi con i Comuni che aderiranno all’iniziativa, verrà assicurata una maggiore copertura territoriale dei suddetti servizi e saranno eliminati i disagi per l’ utenza più lontana;

-              Migliorare il rapporto con l’utenza attraverso la comunicazione istituzionale ed attuare la trasparenza: l’aggiornamento del sito web- Punto 13 dell’atto di indirizzo del Ministro per l’anno 2017- attuazione delle disposizioni in materia di trasparenza ed anticorruzione.

Inoltre proseguirà nel 2017 l’attività di implementazione del processo penale telematico (PPT) in riferimento all’utilizzo delle funzionalità del SICP (Sistema Informativo della Cognizione Penale) per la gestione digitale di atti e documenti, che consentirà di uniformare l’attività delle cancellerie penali attraverso l’utilizzo di un medesimo software e la condivisione delle informazioni tra Uffici giudicanti e requirenti, necessarie alle rispettive attività.

Sarà sperimentata la funzionalità di assegnazione automatica dei procedimenti del Settore penale attraverso il nuovo applicativo GIADA reso disponibile dalla DGSIA.

Si prevede di sperimentare anche nel Settore civile la funzionalità presente in SICID per l’assegnazione automatica dei procedimenti, mai adottata, in modo da ridurre la durata complessiva dei procedimenti eliminando il tempo intercorrente tra l’iscrizione a ruolo e la fissazione dell’ udienza da parte del giudice assegnatario.

Le linee di attività programmate sopra descritte consentiranno di sviluppare servizi più orientati all’utenza e di maggiore fruibilità, nonché di migliorare l’efficienza complessiva della struttura organizzativa e la comunicazione istituzionale, utilizzando quale canale privilegiato il sito web attraverso cui saranno veicolate le informazioni relative ai servizi, rendendo più trasparente l’Ufficio nei confronti del proprio territorio di riferimento, in conformità a quanto previsto dalla normativa vigente.

Il presente programma è stato trasmesso al Ministero della Giustizia, Dipartimento dell’Organizzazione giudiziaria, del Personale e dei Servizi .